Translate

domenica 21 giugno 2015

La verità sulla "moglie di Gesù"


Secondo quanto riportato da alcune indiscrezioni sul web, finalmente, alcuni tecnici si sarebbero espressi in merito al famoso papiro "della moglie di Gesù", conservato presso l'università di Harvard.  Secondo Karen King il manoscritto copto sarebbe stato scritto nell'VIII° secolo e riporterebbe frasi come: "mia moglie" "..ella potrà essere mia discepola.. ." K.King, è un noto  e stimato professore Della Harvard Divinity School ( la facoltà di studi teologici della famosa università)
Ma veniamo al papiro. Chi per me ha analizzato il papiro in questione,(una papirologa con buon curriculum e alcuni anni di esperienza sul campo) pur potendo fare solo delle valutazioni sommarie,  basate su fotografie, ha notato alcuni dati che lasciano  perplessi.
A suffragio della veridicità del documento c'è il fatto che, come detto dal mio esperto, il tratto grafico riprende  bene quello copto,  in quanto in Egitto non veniva usato il "calamo" ( un pennino per scrivere con più precisione) , ed infatti il tratto è grossolano e spesso con le tipiche zone di luce ed ombra del copto,  quando lo si scriveva sui papiri. Il problema sorge quando si analizza la trama , è la qualità del papiro che non ha pari in scarsezza!  Il papiro infatti , per come è spesso e per il tipo di trama,   è da attribuirsi ad un epoca moderna , anche perché negli ultimi secoli la pianta del papiro, a seguito di una mutazione genetica, si è trasformata da base triangolare a base cilindrica e il papiro in questione sembra avere la caratteristica moderna. In secondo luogo ,  il taglio grossolano del papiro ,  lascia supporre si tratti di una zona della pianta prossima alla corteccia,   che veniva usata in antichità come in epoca moderna , proprio perché spessa e ruvida, a  mo di carta da imballaggio. In definitiva,   chi per me ha analizzato il papiro,  da una prima analisi , ritiene che questi sia una grossolana copia , su un materiale recuperato da qualche imballaggio di epoca moderna o antica (per rendere il falso più credibile) . Per quanto riguarda il contenuto dello scritto, anche se una buona contraffazione,  potrebbe essere la copia di parti di altri manoscritti.