Translate

venerdì 22 maggio 2015

Vimana विमान

L'obiettivo di questo post , non vuole essere solamente una mera spiegazione di cosa sono i Vimana e un escursus storico sui testi che trattano l'argomento. Piuttosto vuole essere una valutazione attenta di quello che erano veramente queste macchine volanti, una valutazione  fatta da chi scrive e basata su dati che il sottoscritto redattore ha reperito direttamente dai testi antichi (sacri) , che nel corso degli
anni ha potuto leggere ed analizzare. Con questo non voglio dare una risposta definitiva sull'argomento Vimana , non ne sarei in grado e peccherei in superbia, ma almeno vorrei dare una idea corretta di cosa si intendeva con Vimana. Il post nasce da una richiesta dei lettori  di questo blog, che a più riprese hanno posto domande sull'argomento . Purtroppo su internet si trova tutto e il suo contrario su questo
(ed altri ) argomento, quindi si vuole solo cercare di accendere una piccola luce , che possa essere da indirizzo per chi vuole una informazione più attenta.
Partiamo dal significato: Vi e Mana, cioè (dal sanscrito)  “luogo abitato che vola”, questa dovrebbe essere il significato dell'antichissimo termine, molto si è dibattuto su questo nome e tutt'oggi non è certo che la più giusta traduzione sia questa, c'è chi ipotizza significati più "fantasiosi" , ma che non avendo alcun fondamento, non riteniamo opportuno menzionare. Il Vimana è un oggetto perciò volante e che può contenere persone , come tra l'altro si mostra nelle innumerevoli rappresentazioni , nei templi orientali. La particolarità di questi oggetti, a differenza degli innumerevoli oggetti volanti descritti nei testi sacri delle altre religioni , è che ne viene data una descrizione, a  più riprese e in più testi, assolutamente realistica, quasi come se chi li osservava e descriveva cercasse, più che farne un idolo sacro , di mostrarne le capacità tecniche e
la scienza che c'era dietro queste macchine volanti! Ma  ci si è spinti oltre, sono stati prodotti testi che trattavano esclusivamente di come funzionavano i Vimana, sviluppando  un vero e proprio "manuale d'uso". Il Vaimanika Shastra appunto( tradotto "Scienza dell'aeronautica"), che descrive, non solo come pilotare un vimāna, ma anche le sue caratteristiche tecniche.
C'è da sottolineare, per correttezza, che il Vaimanika Shastra, non è un testo antico, almeno in molte delle sue parti, ma è un manoscritto prodotto nei primi anni del '900 sulla base di alcuni testi antichi e ,  secondo il suo redattore, sotto dettatura psichica(!), è comunque bene ricordare che da test effettuati negli  anni '80 da ingegneri sugli oggetti volanti descritti nel Vaimanika Shastra, viene fuori che, alcuni dei velivoli descritti, avevano una tecnologia avveniristica e potenzialmente valida, che nei primi del '900 non era neanche pensabile!! Indipendentemente da tutto ciò , i Vimana restano un mistero. Citati in molti testi Indiani, alcuni religiosi ed altri di letteratura classica, come ad esempio Ramayana ,Mahabharata , Puranas, Bhagaravata ,  Samara Sustradhara , insomma in tutti i testi Vedici, i Vimana tenuti depositati in hangar denominati " Vimana Griha" venivano descritti come un veicolo volante  a due piani ,circolare con oblò ed un ampio ponte.Esso volava alla 'velocità del vento' ed emanava un 'melodioso suono' , decollavano in verticale e come gli aerei moderni si fermavano a mezz'aria.
Nel  Samara Sustradhara, diviso in 230 "stanze" (capitoli), veniva descritto ogni possibile aspetto del volo aereo dei Vimana. Si trattava della costruzione, del decollo, dell'atterraggio anche in caso di emergenza.  Per ciò che concerne la propulsione , l'unica testimonianza di un testo antichissimo che abbiamo, la troviamo nel Mahabharata, dove si riferisce che una potente sfera, presente nel Vimana, "animata" dal mercurio (rosso?), garantiva a questi Vimana la possibilità di rimanere sospesi nell'aria e fluttuare come in assenza di gravità. Troppo facile sarebbe ricordare che i nazisti ( come ebbi modo di scrivere alcuni giorni fa sul blog) erano appassionati della mitologia indiana, non a caso avevano cercato di riprodurre queste tecnologie ( La Campana!).
"Un carro aereo ,il Pushpaka, conduceva molte persone alla capitale di Ayodhya . "Il cielo è pieno di stupende macchine volanti, scure come la notte ma incastonate da luci gialle..." questo è quello che troviamo nel testo dell' VIII secolo Mahavira di Bahabhuti.
Nell Ramayana  di Valmiki si legge testualmente: "La splendente astronave irradiava un  bagliore fiammeggiante. Fiammeggiando come un fuoco rosso vivo, volava il  carro alato di Ravana. Era come una cometa nel cielo". L’astronave era  dunque una macchina fragorosa che, decollando, si ammantava di una forte  luminosità. “…Quando partì, il suo rombo riempì tutti i quattro punti  cardinali".
Fondamentalmente ci sono due tipi distinti di vimana. Il primo artificiale con le ali e molto simile nostri aerei moderni, il secondo con una forma non aerodinamica, discoidale o a forma di cilindro non fatto da esseri umani ma dadli "DEI". All'interno di queste due categorie sembrano essere molte varianti diverse. Questi velivoli sono  capaci di manovre piuttosto sorprendenti oggi per lo più associati con gli UFO.
I modelli di Vimana sono :

Rukma(decollo verticale)

Shakunna(tipo3)

Tripura

Sundarapitha

Sundara(decollo verticale)

Vimana 

Shakunna(tipo2)

ShakunnaVimana(tipo1)(dubbio)
Ho reperito i suddetti modelli  dai seguenti testi sacri:
Vaimanika Shashtra(?)
Samarangana Stradhara 
Yuktikalpatani di Bohja 
Rigveda, Yajurveda 
Atharvaveda 
Ramayana 
Mahabharata 
Purana 
Bhagaravata 
Avadhana 
Kathasaritsagara 
Raghuramsa 
Darma Abhijñānaśākuntalam di Kalidasa 
Abimaraka di Bhasa 
Jatalas
Per ora concludiamo con questa introduzione sui Vimana e le macchine volanti dell'antica India . Alpiù presto, andremo ad analizzare più nello specifico i testi che abbiamo
citato.

giovedì 21 maggio 2015

VIDEO - I Suoni Misteriosi

Sin da 2008, un fenomeno particolare e allo stesso tempo inquietante , è stato segnalato in molte zone del mondo. Si tratta di strani suoni , qualcosa di simile a squilli di tromba . Il fanomeno è cresciuto all'inizio del 2012, quando una serie di inquietanti suoni ha colpito l'europa , gli Stati Uniti e altre zone del continente Americano.   Il suono, che sembra scoppiare dal nulla, è assimilabile a quello di tutti gli strumenti a fiato di una orchestra, tromba e tromboni compresi!
Il Video di Wookey , in Canada

Spesso, come si puo' vedere nei video , il suono risulta essere assordante . L’aspetto particolare di questo fenomeno è che il tipo di suono è identico dovunque si verifica, dalla Germania agli Usa, dalla Bielorussia al Canada. Nel primo filmato che riportiamo, Kimberly Wookey, dalla sua casa in British Columbia, ha registrato uno di questi suoni in un filmato. Wookey dichiara che :"La mattina del 29 agosto 2013, circa 7:30 , sono stato svegliato da questi suoni, ero a letto e mi sono alzato per rendermi conto cosa fosse il suono che avevo sentito anche in precedenza...". Anche la NASA si è interessata al fenomeno e ultimamente ha cercato di dare una spiegazione .
Suoni in tutto il Mondo

Secondo la Nasa: si tratterebbe di rumori della terra, ovvero di suoni prodotti normalmente dalla crosta terrestre che spesso non sarebbero udibili all'orecchio umano. Sarebbero legati ad emissioni radio che, a causa di una serie di concause non ancora note, diventerebbero percepibili anche dall' uomo. Questa è solo una ipotesi, in quanto non vi sono prove della correlazione di cui sopra.

mercoledì 20 maggio 2015

Il Mistero del volto di Padilla

La cultura Olmeca è una misteriosa civiltà precolombiana , mesoamericana . Una civiltà che non ha lasciato iscrizioni , tranne alcuni dibattuti geroglifici e che è misteriosamente scomparsa in circostanza non chiare  all'incirca nel 500 A.C. dopo una storia di circa 1000 anni . Il mistero della scomparsa di questa civiltà è pari solo  a quello di altre più note etnie mesoamenricane , quale i Maya. Agli Olmechi , a differenza delle altre civiltà del luogo , si possono attibuire solo alcuni enormi teste di pietra che hanno presumibilmente fattezze di importanti dignitari dell'epoca. Le teste in questione , attualmente 17 scolpite nel basalto , hanno tratti somatici tipici delle popolazioni di quei luoghi e questo è molto importante alla luce di quanto andremo ad analizzare.
Nel 1987, il dottor Rafael Padilla Lara (un dottore in filosofia, avvocato e notaio) ricevette una fotografia di una massiccia testa di pietra che , si ritiene, sia stata ritrovata nella giungla del Guatemala nel 1950. La foto fu inviata dal proprietario del terreno sul quale era stata trovata la statua, ma nessun'altra informazione è
stata fornita. Ovviamente il ritrovamento di una testa di pietra in un paese disseminato di teste di pietra non è davvero qualcosa di anomalo, se non fosse che questo enorme artefatto non ha in alcun modo le fattezze delle altre teste. Come si vede in foto , questo volto ha tratti somatici non attinenti alle persone del luogo , con labbra sottili, un grosso naso a punta, e rivolto in alto con gli occhi chiusi, quasi in condizione di preghiera. Padilla, il proprietario della foto, afferma che la testa è stata trovata nei pressi di un piccolo villaggio chiamato La Democracia, nel sud del Guatemala. Purtroppo, la statua  sarebbe stata distrutta dai rivoluzionari negli anni '70. Ovviamente in mancanza di ulteriori prove non è possibile concludere che la foto sia autentica e forse è facile pensare che si potrebbe trattare di una mistificazione. L'idea di chi scrive è che l'ipotesi che gli europei avessero avuto (nel 1000 a.c.) un contatto con gli Olmechi è francamente
eccessiva, anche per chi è abituato a leggere e scrivere di notizie ai limiti dell'incredibile.
Ma noi, affascinati dal mistero, preferiamo cercare alternative, quando possibile,  e in questo caso, prendendo spunto da una ipotesi fatta sulla rivista Current Biology e ripresa dal sito Ancient-Origins.net, vogliamo valutare una "fantasiosa" ipotesi che è la seguente: Le teste sono del tutto simili ai Moai dell'isola di Pasqua, fino a poto tempo fa sembrava assurdo pensare che una cultura che si trova nel bel mezzo del Pacifico , a 3500 km dalle coste americane, possa aver influenzato in qualche modo la civiltà Olmeca .
Ma in una recente pubblicazione, la rivista Current Biology, dichiara che da una analisi del DNA , vi sarebbe stato, a livello genetico,  un regolare contatto bidirezionale tra l'Isola di Pasqua e l'inizio delle culture mesoamericane( Olmechi compresi).  Inoltre alcune pratiche culturali , credenze, tradizioni , sembrano molto simili nelle due civiltà.  Oltre a questi risultati, i ricercatori hanno trovato la somiglianza genetica tra alcune varietà di patata dolce coltivate sia in Sud America sia sull'Isola di Pasqua (così come altre isole della Polinesia).

Cerere: La NASA brancola nel buio

La sonda Down della NASA, che ormai si trova a circa 13.600 km dalla superficie del pianeta nano , continua a restituire immagini della superficie che lasciano a dir poco stupiti. L'ultima immagine è stata rilasciata il 4 maggio 2015 e si tratta di una animazione della , ormai nota, zona di un cratere al cui interno vi è la presenza di una strana luminescenza.
Con una risoluzione di circa 0.8 miglia , sono disponibili delle animazioni (fornite dalla NASA) che rappresentano uno strano oggetto nero che sorvola in modo circolare lo strano cratere. E' bene ricordare che la stessa NASA ha lanciato la notizia della misteriosa macchia bianca, addirittura sviluppando un sito internet apposito (che potete trovare al seguente Link ) , attraverso il quale gli utenti possono esprimere la propria personale idea sull'oggetto misterioso! La Sonda Down è una partnership tra la NASA, L'ASI , l'Istituto Nazionale di Astrofisica italiano e l'Istituto M.Planck.
L'animazione in questione mostrerebbe un oggetto nero che si sposta nei vari frame dell'immagine animata. Potrebbe certo trattarsi di un errore della macchina fotografica e sicuramente non è l'ombra della sonda Down ( come subito prospettato da alcune persone del settore) , con una tale risoluzione , per vedersi l'ombra  sul pianeta , la sonda dovrebbe avere dimensioni enormi!!
Non vogliamo pensare che si tratti sicuramente di un UFO , ma la NASA ( che ultimamente ci sta sorprendendo nelle dichiarazioni) dovrebbe dirci la sua. Rimaniamo in trepidante attesa di una risposta.
Source: NASA-Down

martedì 19 maggio 2015

Scoperto Vimana ??

Oggi vogliamo raccontare , quanto ci è stato riportato da una fonte. Dato il tenore di questa "notizia" , suggerisco ai lettori di ritenerla solo un racconto di fantasia e di non pensare che in qualche modo possa essere verità!....
8 soldati statunitensi scompaiono in una cava Afgana nel tentativo di recuperare un Vimana.
Un vimana è stato scoperto in una grotta in Afghanistan. Ha attirato l'attenzione dei leader mondiali tra cui il presidente americano Obama. Un gruppo di soldati ha fatto la scoperta in una missione di esplorazione nel deserto dell'Afghanistan. Un vimana, è una antica macchina volante  descritta negli epici testi sanscriti indiani e usato nelle guerre mitologiche del Mahābhārata e del Ramayana. Il Vimana trovato in Afghanistan è risulta avere una età di circa 5000 anni. Fonti accreditate ritengono che sia protetto da una barriera di energia che impedisce alle truppe di estrarlo dalla cava. Potrebbe essere questo il motivo della presenza improvvisa di leader mondiali Afghanistan? Scienziati e forze armate Statunitensi hanno forse bisogno  di visualizzare direttamente la scoperta?
L'oggetto in questione abrebbe già causato la "scomparsa" di almeno 8 soldati americani che cercavano di toglierlo dalla grotta in cui era stipato circa dal 3000 a.c.
Il vimana , avrebbe una circonferenza di circa dodici cubiti ( approssimativamente 6.22 metri , secondo il Cubito sumerico di Nippur = 51,86 cm) , con quattro ruote forti. Oltre ai suoi «missili fiammeggianti», il Mahabharata racconta l'uso delle sue altre armi letali che operavano attraverso un 'riflettore' circolare. All'accensione, produceva un 'raggio di luce' che, una volta messo a fuoco su ogni bersaglio, lo consumava istantaneamente. La cosa più interessantante sarebbe che, il presunto Vimana sarebbe stato trovato in una grotta , nell'esatta ubicazione riportata in un non meglio citato testo sacro. In questo testo si sosterrebbe che il suo "legittimo proprietario" è l'antico profeta Zoroastro che fu il fondatore di una delle religioni più importanti di tutti i tempi chiamata zoroastrismo.
Suggerisco inoltre , di riflettere sul fatto che le favole celano sempre una verità....
Per avere delucidazioni sulle fonti, contattatemi in privato...

lunedì 18 maggio 2015

Ufo: EX-Pilota di OBAMA parla dei suoi avvistamenti

Un solito avvistamento ufologico , normalmente, non avrebbe attratto chi scrive al punto di redigervi sopra un post. Normalmente in questa sede , quando si parla di ufologia, si tende a trattare eventi molto particolari , o per testimoni o per tipologia di avvistamento. Per non andare in deroga a questa "regola" , anche questa volta tratteremo di un avvistamento , che all'apparenza sembra essere piuttosto "normale", ma visto il personaggio che lo narra , assume una nota di straordinarietà.
Andrew Danziger , oltre che un giornalista che contribuisce ad articoli sul prestigioso New York Daily News , è un veterano di compagnie aeree da 28 anni.  Ha servito come  capitano su voli internazionali per gli ultimi 14 anni. E 'stato anche un istruttore, ed è stato anche uno dei piloti del presidente Obama durante la campagna per le elezioni del 2008. L'articolo, del quale è stato attore in prima persona, si chiede se i piloti aerei credano o meno agli UFO. Danziger dichiara che molti piloti gli hanno confessato  di credere al fenomeno ufologico , e dichiara :"con miliardi di stelle e trilioni di pianeti là fuori, 'SI! devo credere', e quasi tutti noi credono. "
Il suo avvistamento ha avuto luogo nel 1989 . Quella che segue è la minuziosa descrizione di quell'incontro:
"E 'stato il 10 Aprile 1989 all'inizio della mia carriera. Ero ancora un primo ufficiale di una compagnia aerea regionale. Erano circa le 8 di sera e avevamo appena decollato dal Kansas City International Airport, diretti a Waterloo, Iowa. Era una bella serata, con la luna piena, cielo sereno e temperature primaverili. Le previsioni meteo per Waterloo erano buone, con cielo sereno e  visibilità illimitata.
Dopo  il decollo,  il controllo del traffico aereo (ATC) ci confermò la nostra quota di crociera di 15.000 piedi. Stabilimmo una linea nord-est, puntando stretto verso Waterloo. C'erano sottili nubi intorno a noi, illuminati dalla luce della luna piena che brillava attraverso il finestrino. Osservando dal finestrino,
 all'improvviso si potè notare che c'era anche un disco bianco  chiaramente visibile attraverso quelle nuvole appena fuori alla nostra destra. Ci volammo sopra , ma commentammo con Bruce, il Capitano, che aveva visto la stessa cosa quando avevamo stabilizzato. Sembrava simile alla luna, ma senz'altro non lo era in quanto la luna, quella vera , era contemporaneamente visibile , in un'altra zona del cielo.
Guardammo in basso per vedere se si trattava di un gioco di luci o di un riflesso di qualche azienda sottostante, ma non c'erano fasci di luce proveniente dalla terra. Il capitano e io avevamo cumulativamente trascorso molti anni in volo ed eravamo abituati a vedere - giorno e notte - tutti i tipi di aereo, dirigibile, mongolfiera, satelliti e uccelli. Ma nessuno di noi aveva idea di quello che questo disco potesse essere.
Abbiamo trascorso 20/30 minuti presso la nostra quota di crociera, per tutto il tempo a guardare questo disco bianco appena visibile attraverso alcune nuvole.
 A circa 40 miglia da Waterloo, ATC ha confermato le previsioni, ancora cielo sereno e visibilità illimitata fino a destinazione. All'improvviso accadde qualcosa di incredibile, dopo aver perso di vista per un minuto l'oggetto, tornai a guardare  quello che stava facendo. Dove prima c'era il disco bianco che avevo osservato per tanto tempo adesso vi era un enorme disco rosso . Ci sedemmo in silenzio, storditi. l'oggetto, pur non essendo in rotta di collisione con noi, viaggiava parallelamente al nostro aereo. Cominciammo così una manovra di discesa , ma anche l'oggetto si comportò come noi , fino ad arrivare a 13.000 piedi, dove accadde qualcosa di stupefacente,  spuntarono dalle nubi centinaia di luci lampeggianti .
Mentre guardavo incredulo, vidi che le luci lampeggianti erano più brillanti di qualsiasi cosa abbia mai visto e che contemporaneamente il gigantesco disco rosso alle loro spalle, cominciava ad allungarsi nelle estremità. Tutto questo durò ancora per circa 40 minuti , quando all'improvviso, tutto si placò e l'unica luce rimasta fu quella della luna.
Discutemmo sul fatto se dovessimo riferire sull'accaduto . Dopo pochi minuti, presi in mano il microfono della radio e chiesi al controllore del Kansas City Center se avevano qualcosa sul radar. "No, niente, tu?», fu la risposta. "No, non adesso, ma un paio di minuti fa, presso le nostre ore 1:00-2:00", risposi. "No", ripetè, "E  una notte tranquilla. Ho tutto il settore tra  Kansas City e Waterloo e tu sei tutto quello che c'è stato sul radar per l'ultima ora. "Bruce ed io ci guardammo di nuovo
sbalorditi. Allora chiesi al controllore di volo :"Quindi negli ultimi  40 minuti o giù di lì non  hai avuto alcun traffico se non il nostro?» . "No signore, sei tutto quello che c'è," ci assicurò.
Un minuto più tardi, dalla radio sentimmo, "Air Midwest, vuoi segnalare un UFO?" Ci guardammo per un paio di secondi e Bruce annuì. "Sì, signore", rispose finalmente. "OK, segnate questo numero e chiamate non appena artrivati a terra."
Dopo l'atterraggio chiamammo il numero. "Centro Nazionale Rapporti UFO",rispose una voce dall'altra parte. A quel tempo non sapevo nemmeno che esistesse un posto del genere.  Bruce disse alla persona all'altro capo della linea che volevamo segnalare un UFO. Venimmo intervistati separatamente, prima il capitano e poi io. Quando la mia intervista finì, l'uomo all'altro capo della linea disse che non l'avremmo mai più sentito e che non ci avrebbe mai più contattato per informazioni aggiuntive. Dichiarò inoltre che questo sarebbe stato il nostro primo e unico contatto per quanto riguarda l'avvistamento.
Chiesi: "Posso fare solo una domanda? pensi che siamo pazzi, come chiunque altro riferisce cose del genere?"
"Oh no, non sei pazzo , ne tu ne gli altri" rispose. "Questa stessa cosa è stata riportata  innumerevoli volte da molti piloti". E mentre nessuno di noi aveva idea di cosa avevamo visto, di una cosa eravamo certi, non era di qui. La nostra compagnia aerea aveva politica ufficiale anti-UFO , e sapevamo che  i piloti non avrebbero dovuto parlare di UFO , così giurammo a l'agente della stazione di servizio che avremmo tenuta segreta questa storia. Questo è stato più di 25 anni fa. Oggi sono più vecchio, più saggio e alla fine della mia carriera. Non pochi piloti hanno condiviso le loro storie di UFO con me. Non vorrei esagerare dicendo che praticamente tutti i piloti credono agli UFO, non tanto agli omini verdi o ai rapimenti alieni,
 ma con miliardi di stelle e miliardi di pianeti là fuori, "tu hai bisogno di credere", e quasi tutti noi lo facciamo....

domenica 17 maggio 2015

NASA pronta per studiale i Wormhole

La Nasa si occuperà di tecologie relative al motore a curvatura. Quello che  mostriamo è un veicolo spaziale progettato dallo  scienziato NASA Dr Harold White, che utilizza 'anelli' di curvatura dello spazio-tempo per viaggiare a grandi distanze in un batter d'occhio
Talvolta le rivelazioni più entusiasmanti , vengono fatte in modo da passare sotto traccia e in modo da non avere il giusto risalto. Lo scopo di questo Blog (come ricorda il sottotitolo) è proprio quello di dare risalto a notizie, specialmente scientifiche, che seppur di rilievo, non hanno la giusta diffusione. Nel post odierno , questa regola risulta rispettata come mai prima. Al seguente link NASA, l'agenzia rivela che sta progettando e sviluppando il "viaggio a curvatura" e attraverso i "wormholes". Tecnologie necessarie  per consentire l'esplorazione interstellare. L'obiettivo, seppur molto lontano, è quello di inviare robot in missioni interstellari.
La NASA ha presentato la road map tecnologica per i prossimi 20 anni. Divise in 15 aree tematiche , sono state rivelate  le idee che saranno sviluppate, che riguarderanno , nuovi sistemi di propulsione, come citato sopra, l'esplorazione di Marte con la presentazione del progetto del motore al plasma VASIMR (capace di raggiungere Marte in 39 giorni) , l'esplorazione interstellare con i robot, i nuovi sistemi di atterraggio e le nanotecnologie.
Quello che più colpisce chi scrive, è che l'agenzia dichiara che sosterrà la ricerca per dimostrare la fattibilità e l'esistenza di motori a curvatura e wormhole. Elementi necessari per deformare lo spazio-tempo e per rendere possibile ad  un veicolo spaziale il viaggiare a grandi distanze in un batter d'occhio. Al seguente link , potrete trovare il File in formato PDF , rilasciato dalla Nasa "TA 2: In-Space Propulsion Technologies" , dove l'agenzia tratta delle nuove tecnologie di propulsione.

Die Glocke , La Campana.

Questa storia ha ormai più di 70 anni .... Siamo vicino al confine ceco, a breve distanza dalla miniera di Venceslao, in una struttura segreta per la ricerca di armi e tecnologie speciali, i Nazisti portano avanti un esperimento chiamato "Die Glocke", "La Campana". Igor Witkowski, nel suo libro "The Truth About The Wonder Weapon" , fa alcune eccezionali rivelazioni riguardo questa invenzione. I dati che il giornalista ha raccolto , sembrano pervenire da da serissime fonti di Intelligence Polacche e tratterebbero
di uno strumento , La Campana, appunto, che sarebbe in grado di funzionare da macchina del tempo!

 Witkowski, da esattamente i dati tecnici di questa invenzione , indicando che la campana  fu realizzata in metallo pesante, con un diametro di 9 piedi (circa 3 metri) e una altezza di 15 piedi (circa 4,5 metri) . Secondo le informazioni il dispositivo aveva due cilindri controrotanti, pieni di mercurio liquido e di un colore bluastro. Il mercurio liquido veniva definito come "Xerum 25"  ed è stato conservato in flaconi speciali. Altri liquidi furono aggiunti come il perossido di  torio e berillio. Sembra che le radiazioni emesse dall'oggetto fossero talmente forti da provocare addirittura la morte in alcuni scienziati che vi lavoravano a stretto contatto. Il vero risultato che si voleva raggiungere con questa "campana" non è del tutto chiaro. Alcuni
parlano di anti-gravità, altri addirittura dichiarano che "Die Glocke", sarebbe stata in grado aprire dei wormhole o di utilizzarne alcuni di questi cunicoli Spazio-tempo che normalmente in maniera casuale si aprirebbero sul pianeta, secondo la teoria della schiuma quantistica di  John Weeler.
L'ipotesi più accreditata riguarderebbe  la possibilità di viaggire nel tempo, i Nazisti avrebbero sviluppato questo strumento per poter cambiare la storia a loro piacimento, evidentemente hanno commesso qualche errore di calcolo .....!!! La domanda resta sempre comunque la seguente:" dove è finita la campana al termine della guerra?"
Secondo l'ipotesi più accreditata sarebbe stata trasportata in centro-sud America, sotto la tutela di uno degli stati che diedero connivenze e copertura agli esuli nazisti.