Translate

venerdì 8 maggio 2015

VIDEO-NASA: Misteriosi suoni nello spazio

Un pallone sonda NASA ha raccolto misteriosi suoni ai confini dell'atmosfera.
Sono stati registrati  suoni misteriosi usando microfoni infrasuoni collegat a un pallone ad elio che è stato lanciato ad una altezza di 22 miglia sopra la superficie della Terra.  L'audio, che consiste in una serie di sibili e fruscii, potrebbe aver avuto origine da una serie di fonti.
Le ipotesi fatte è che provengano da turbolenza del vento di alta quota,  le onde gravitazionali o le  vibrazioni dei cavi. Ovviamente stiamo parlando della stratosfera, una regione assolutamente prossima allo spazio , dove non dovrebbero esserci suoni. Molti di questi suoni non erano mai stati sentiti o registrati prima. Secondo Daniel Bowman, lo studente laureato  che ha progettato e costruito il materiale, non esistono registrazioni di alta quota negli ultimi 50 anni ed ha dichiarato "se collochiamo strumenti lassù, troveremo cose che non abbiamo mai visto
 prima." , gli infrasuoni , che viaggiano a lunghissime distanze , spesso sono legati a  fenomeni naturali come temporali, terremoti, valanghe e vulcani. Secondo alcuni sarebbe possibile ascoltare anche fenomeni provenienti da altri pianeti.
Di seguito mostriamo il video dei suoni registrati:

Plutone: 70 milioni di miglia

Dopo un viaggio di nove anni , la navicella New Horizons, si sta avvicinando al pianeta nano Plutone, che raggiungerà nel Luglio del 2015. Il video che mostriamo , rappresenta Plutone ad una distanza dalla sonda di circa 70 milioni di miglia. Immagini riprese dal Long-Range Reconnaissance Imager (LORRI).
immagine NASA
Si può notare una sorgente puntiforme bianca, probabilmente questa volta il mistero è presto svelato, si dovrebbe trattare di una calotta polare. La sonda dopo solo una fugace visita al pianeta nano , andrà alla scoperta della fascia di Kuiper, una regione fredda e distante del sistema solare piena di asteroidi e corpi ghiacciati. "Faremo centinaia di migliaia di fotografie e immagini spettrali di Plutone e le sue lune... ", ha dichiarato uno dei principali ricercatori della missione Alan Stern.

giovedì 7 maggio 2015

NASA: Motore Elettromagnetico

Secondo il forum NasaSpaceFlight, un gruppo di ricercatori  NASA del Johnson Space Center, avrebbe testato con successo una unità di propulsione elettromagnetica. In pratica utilizzando magneti per generare microonde elettromagnetiche, e inviandoli attraverso una  cavità conica, l'energia elettrica verrebbe trasformata direttamente in spinta.
La scorsa estate, NASA Eagleworks - un gruppo di ricerca sulla propulsione guidata dal dottor Harold "Sonny" WHITE presso il Johnson Space Center (JSC) - ha fatto scalpore in tutta la comunità scientifica, quando ha presentato i risultati di alcuni test, alla ASEE Joint Conference propulsion di Cleveland, Ohio.
Il concetto di una unità EM(elettromagnetica) nasce dall'idea che attraverso delle cavità , delle  microonde elettromagnetiche potrebbero trasformarsi direttamente  da energia elettrica in spinta senza la necessità di espellere qualsiasi propellente.
Questa mancanza di espulsione del propellente dall'unità è stata accolta con scetticismo iniziale all'interno della comunità scientifica, perché questa mancanza di espulsione non rilascerebbe nulla per bilanciare la variazione della quantità di moto del veicolo spaziale,rendendo improbabile l'accelerazione.
Tuttavia, nel 2010, il Prof. Juan Yang in Cina ha pubblicato  la sua ricerca sulla tecnologia del motore EM, che si conclude con uno studio dal quale si evince che effettivamente il motore elettromagnetico , produrrebbe una spinta!
Si ritiene che se l'unità EM del professore cinese dovesse essere installata nella Stazione Spaziale Internazionale (ISS), potrebbe fornire il necessario delta-V (cambio di velocità necessario per eseguire una manovra in orbita) per compensare il decadimento orbitale della stazione , con notevoli risparmi di energia e di mezzi. Nel modello di dottor White, gli ioni propellente dell'unità magnetoidrodinamica vengono sostituiti come fonte di combustibile da parte delle particelle virtuali del vuoto quantistico, eliminando la necessità di portare propellente. Questo modello ha incontrato critiche nella comunità scientifica, perché il Quantum Vacuum non può essere ionizzato e - il che significa non può creare una spinta, come richiesto per uno slancio propulsivo. I test riportati dal team del dottor White nel luglio 2014, non sono stati condotti nel vuoto, e nessuno dei test riportati dal Prof. Yang in Cina o dal signor Shawyer nel Regno Unito sono stati condotti sottovuoto.
La comunità scientifica ha recepito questi test della NASA con scetticismo e un certo numero di fisici ha proposto che la forza di spinta misurata negli Stati Uniti, Regno Unito, e le prove in Cina erano probabilmente causati da un fattore esterno, forse correnti convettive termiche naturali derivanti dal riscaldamento a microonde. Tuttavia, Paul March, ingegnere presso la NASA Eagleworks, ha recentemente dichiarato sul sito NASASpaceFlight.com che la NASA ha testato con successo la loro unità EM nel vuoto
spinto. In seguito a ciò, la NASA Eagleworks ha annullato l'ipotesi che le misurazioni dei test fossero alterate da  correnti convettive termiche.
Tutto questo ha suscitato notevole scalpore nella comunità del forum NASA, sul quale sono intervenuti vari importanti soggetti che hanno ipotizzato anche l'esistenza di un reale manufatto del motore EM.
Le applicazioni di tale unità di propulsione sono molte e vanno dalle operazioni nella bassa orbita terrestre (LEO), alle missioni di transito verso la Luna , Marte ,e il sistema solare esterno . Addirittura fino a nuove generazioni di astronavi per viaggi interstellari.
 Potenzialmente l'uso più vicino, nel tempo, di questa tecnologia potrebbe essere per stazioni orbitali come la Stazione Spaziale Internazionale, o per i satelliti in orbita geostazionaria dove meno propellente per la propulsione porterebbe a notevoli risparmi, riducendo drasticamente le missioni di rifornimento( in particolare per la ISS). Secondo le ipotesi fatte, tale veicolo, potrebbe andare dalla Terra alla Luna in 4 ore utilizzando un carico  di idrogeno e ossigeno per l'alimentazione elettrica.
Applicazioni molto più ambiziose sono state teorizzate per missioni su Marte e sui pianeti esterni del sistema solare. Marte sarebbe raggiungibile in 70 giorni con un propulsore elettrico a energia nucleare di 2 megawatt. Missioni cosi "brevi" potrebbero evitare carichi di lancio eccessivi, con un notevole risparmio di spesa.
Secondo i curatori di questo modello in capo a 50 anni potrebbe essere possibile sviluppare una missione spaziale interstellare , che potrebbe portare l'uomo verso una stella vicina come Alpha Centauri( o il suo sistema) , in periodi incredibilmente veloci. Infatti Mr. Joosten e il dottor White hanno dichiarato che "un viaggio di sola andata, non decelerando per Alpha Centauri sotto una accelerazione costante un milli-g " con una unità EM si tradurrebbe in una velocità , all'arrivo, del 9,4 per cento della velocità della
 luce e quindi in un tempo di transito totale dalla Terra ad Alpha Centauri di appena 92 anni (tali velocità non avrebbero effetti relativistici) .
Per precisione gli scienziati dichiarano che, se si volesse compiere delle osservazioni e dei rilievi di questo sistema , sarebbe necessario decelerare . La missione così , si allungherebbe di 40 anni circa.
Allo stato attuale , esiste la tecnologia per la costruzione dei reattori necessari allo sviluppo dei motori EM , le scelte politiche dei prossimi anni , saranno fondamentali per  rendere reale il lavoro di questi scienziati.