Translate

mercoledì 11 febbraio 2015

Chernobyl: Pericolo sempre attuale

Scienziati norvegesi affermano che il riscaldamento globale porterà a ulteriori incendi nei boschi che circondano il sito dell'incidente nucleare del 1986, lasciando gli europei esposti a elementi radioattivi ancora presenti nella zona. "Una grande quantità di Cesio-137 rimane ancora nelle foreste di Chernobyl, che
potrebbero essere molto pericolosi. Prevediamo che , l'espansione della superficie infiammabile associata
con il cambiamento climatico porterà a un alto rischio di contaminazione radioattiva con caratteristici picchi di fuoco in futuro ", ha detto l'abstract di uno studio pubblicato sulla rivista Monografie ecologici dell'Istituto norvegese. La US Environmental Protection Agency descrive il Cesio 137 come materiale "altamente
radioattivo" che "aumenta il rischio di cancro" e può causare la morte attraverso l'esposizione grave. Dei 85 petabecquerels (una misura della radioattività) rilasciati a seguito dell'incidente alla centrale, tra due e otto ancora rimangono nel terreno. La squadra norvegese ha studiato le immagini satellitari dei modelli di incendi di grandi dimensioni che ha avuto origine nella zona di 4800 kmq , chiamata , zona di esclusione -. Situato sui due lati del confine dell'Ucraina con la Bielorussia - nel 2002, 2008 e 2010. L'impatto di tali
incendi, che rigettano quasi un decimo in più di radiazioni del fallout originale, sono stati rilevati in luoghi lontani come la Scandinavia, Turchia e Italia. Gli scienziati hanno poi usato  proiezioni del Gruppo intergovernativo delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici - che dice che l'area diventerà ancora più secca e più incline agli incendi - con previsioni future di diffusione ancora più gravi di nubi radioattive in tutto il continente. Inoltre, gli scienziati hanno scoperto che le scorie radioattive che sono presenti nei residui
organici nella foresta - combustibile fondamentale per ogni incendio potenziale - sembrano avere un tempo di decadimento pari a metà il ritmo normale, a causa di radiazioni che inibiscono i naturali processi
biologici . La situazione è aggravata dal sorprendente e lento decadimento del cesio-137 . In condizioni di laboratorio, la sua emivita è di 30 anni, il che significa che entro l'anno prossimo, dovrebbe avere la metà della "potenza" rispetto al momento della contaminazione. Ma nella vegetazione densa che è
sorta nella zona di esclusione, l'elemento è in "circolo" tra le foglie e gli alberi continuamente. Lo studio, che fa notare che "le attuali infrastrutture antincendio nella regione sono insufficienti a causa della carenza e mancanza di fondi", prevede che la potente combinazione di concentrazioni di cesio e gli incendi colpirà tra
 2023 e 2036, e pericoli realistici rimarranno fino il 2060. Lo studio stima che durante una ricaduta a "macchia d'olio", un abitante di Kiev sarebbe esposto ad una media di 10 microsieverts di radiazioni, una dose relativamente banale che costituisce l'uno per cento del limite di radiazione annuale
prescritta . Purtroppo, la radiazione si sviluppa in modo molto diseguale in qualsiasi nuvola, e tende a concentrarsi in alcuni alimenti come funghi, dove  "La dose interna da ingestione può essere significativa. Un numero sempre crescente di informazioni sostiene l'idea che non esiste una soglia sotto la quale non hanno alcun effetto," , secondo Tim Mousseau della University of South Carolina a Columbia, uno dei co-autori
 del studio.   Gli scienziati si sono soffermati su un punto, "la mancanza di una gestione delle foreste, il degrado , il cambiamento climatico che porta alla siccità e l'espansione delle aree forestali contribuiscono ad aumentare il rischio di incendi boschivi e di conseguenza un'ulteriore dispersione di nuclidi radioattivi a lunga vita ", ha detto Keith Baverstock dell'Università della Finlandia orientale a Kuopio.