Translate

mercoledì 1 ottobre 2014

VIDEO-NASA: Alieni , prepariamoci al contatto * VIDEO-NASA: Aliens, get ready for contact

Il 18 e 19 settembre 2014 , presso la Biblioteca del Congresso degli Stati Uniti a Washington, si è tenuto un simposio della Nasa intitolato "Preparing for Discovery". In questa conferenza, la NASA , ha riunito scienziati, storici, filosofi e teologi provenienti da tutto il mondo . La loro agenda:  Studiare come ci prepariamo per l'inevitabile scoperta della vita extraterrestre, che siano organismi microbici semplici o esseri intelligenti. Secondo l'organizzatore del simposio , l'astronomo NASA Steven J. Dick , si sta cercando in tutti gli scenari dove si potrebbe trovare la vita. "Se troviamo microbi, è una cosa.  Se troviamo l'intelligenza, è altro.
E se queste intelligenze sono in grado di comunicare, si tratta di qualcosa d'altro" ha dichiarato l'astronomo, continua Dick : "L'idea non è quella di aspettare fino a quando facciamo una scoperta, ma cercare di preparare il pubblico per quelle che potrebbero essere le implicazioni a seguito della scoperta".
Al simposio svoltosi presso la Biblioteca del Congresso hanno partecipato molte importanti personalità del mondo scientifico, tra i relatori il Frate Gesuita Guy Consolmagno, astronomo della specola Vaticana, che all'Huffington Post ha dichiarato di ritenere la vita aliena esistente , pur non avendone le prove, aggiungendo che "qualsiasi entità  - non importa quanti tentacoli ha - ha un'anima" .
 "Il numero di mondi abitabili nella nostra galassia è certamente nell'ordine delle decine di miliardi e non abbiamo ancora parlato delle lune. Ed il numero di galassie  che possiamo vedere, diverse dalla nostra, è di circa 100 miliardi," Seth Shostak , astronomo senior presso il SETI Institute della California ha detto all'HuffPost. Al simposio NASA, Shostak ha dato alcuni numeri sorprendenti su quante stelle ci sono nella parte dell'universo che possiamo vedere. "E 'un gran numero:  10.000 miliardi di miliardi e sappiamo che la maggior parte di queste stelle hanno pianeti - il 70 o 80 per cento.
  Secondo Shostak , " una su cinque di tutte le stelle possono avere un analogo della Terra. Questo è un sacco di mondi abitabili, e, anzi, il numero di Terre nella nostra galassia potrebbe essere sul dell'ordine di 50 miliardi ". Al simposio si è discusso delle prossime missioni NASA come il : James Webb Space Telescope.
Grande come un campo da tennis, questo osservatorio dello spazio profondo sarà lanciato nel 2018 e sarà in orbita oltre la nostra luna. Il telescopio Webb si concentrerà su nuove scoperte
planetarie e raccoglierà i dati dalle atmosfere di questi pianeti, alla ricerca di indizi che potrebbero essere indicatori della vita.
---English Version---
On 18 and 19 September 2014, at the Library of Congress of the United States in Washington, there was a NASA symposium entitled "Preparing for Discovery." In this conference, NASA, brought together scientists, historians, philosophers and theologians from around the world. Their agenda: Study as we prepare for the inevitable discovery of extraterrestrial life, microbial organisms that are simple or intelligent beings. According to the organizer of the symposium, NASA astronomer Steven J. Dick, you're looking in all the scenarios where you might find life. "If we find microbes, is one thing. If we find intelligence, is another. And if these intelligences are able to communicate, it's something else," said the astronomer. Dick continues: "The idea is not to wait until we make a discovery, but try to prepare the public for what might be the implications as a result of the discovery."
At the symposium held at the Library of Congress was attended by many important personalities from the world of science, among the speakers at the Jesuit Brother Guy Consolmagno, an astronomer at the Vatican observatory, which the Huffington Post said they believe alien life exists, but does not have the evidence , adding that "any entity - no matter how many tentacles has - has a soul." "The number of habitable worlds in our galaxy is certainly in the tens of billions and we have not even talked about the moons. And the number of galaxies that we can see, different from our own, is about $ 100 billion," Seth Shostak, an astronomer senior at the SETI Institute in California said all'HuffPost. At the symposium, NASA, Shostak gave some startling numbers on how many stars there are in the universe we can see. "It 'a great number: 10.000 trillion and we know that most of these stars have planets - 70 or 80 percent. According to Shostak," one in five of all the stars may have an analogue of the Earth. That's a lot of habitable worlds, and, indeed, the number of Earths in our galaxy could be on the order of 50 billion. "At the symposium discussed the upcoming NASA missions such as the James Webb Space Telescope. Grande as a tennis court, this deep-space observatory will be launched in 2018 and will be in orbit beyond our moon. Webb telescope will focus on new discoveries Planetary and collect the data from the atmospheres of these planets, searching for clues that might be indicators of life.

domenica 28 settembre 2014

Nuovi geoglifi scoperti in Kazakistan-New geoglyphs discovered in Kazakhstan


Non sono grandi o intricati come le linee di Nazca del Perù, ma i nuovi geoglifi scoperti in Kazakistan stenno stimolando  la ricerca e le discussione sulle loro origini e sul loro significato.
Alla riunione annuale appena conclusa  a Istanbul della Associazione Europea degli Archeologi , i ricercatori da Kostanay dell'Università del Kazakistan e l'Università di Vilnius in Lituania hanno  presentato i loro risultati. Con l'utilizzo non di scavi, radar a penetrazione terra e il sempre più popolare e utile Google Earth , i team hanno scoperto oltre 50 geoglifi nel Kazakistan settentrionale.
 A differenza delle Nazca Lines, la maggior parte dei geoglifi del Kazakistan sono tumuli di terra costruiti in forme. Le loro dimensioni variano 90-400 metri e, anche se sono tumuli, sono molto più facili da vedere dal cielo che dalla terra. Una geoglifo in particolare, è stato costruito con  il legno.

Il geoglifo di  legno ha la forma di una svastica e altri sono a forma di croci, quadrati e cerchi. Mentre i ricercatori non hanno ancora rivelato cosa il radar potrebbe aver trovato all'interno dei tumuli, le zone loro circostanti contengono resti di capanne e focolai che sono stati probabilmente utilizzati per cerimonie e rituali. Mentre le forme a tumulo suggeriscono un fine spirituale, potrebbero anche essere stati utilizzati per dimostrare che si possedeva la terra.
Anche se non così conosciuti come le linee e i  tumuli che si trovano nel Regno Unito, in Sud America e  in alcune zone degli Stati Uniti, i geoglifi vengono ora scoperti in Medio Oriente, la Russia e l'Asia centrale. Come con tutti questi enormi quadri antichi, lo scopo della creazione dei geoglifi appena scoperti in Kazakhstan rimane un mistero e la ricerca nel settore va avanti.
English Version
They are not big or intricate as the Nazca lines in Peru, but the new geoglyphs found in Kazakhstan stenno stimulating research and debate about their origins and their significance. 
At the annual meeting just ended in Istanbul of the European Association of Archaeologists, researchers from the University of Kostanay Kazakhstan and the University of Vilnius in Lithuania presented their results. With the use of non excavations, ground penetrating radar and the increasingly popular and useful Google Earth, the team found more than 50 geoglyphs in northern Kazakhstan. 
  Unlike the Nazca Lines, most of the geoglyphs of Kazakhstan are earth mounds constructed forms. Their size varies from 90 to 400 meters, even if they are mounds, are much easier to see from the sky from the earth. A geoglyph in particular, has been built with the wood. 
The geoglyph of wood has the shape of a swastika and others are in the shape of crosses, squares, and circles. While researchers have not yet revealed what the radar may have found inside the mounds, the areas surrounding them contain the remains of huts and outbreaks that were probably used for ceremonies and rituals. While the forms mounds suggest a spiritual purpose, could also have been used to demonstrate that it owned the land. 
Though not as popular as the lines and mounds that are located in the United Kingdom, South America and in some areas of the United States, the geoglyphs are now being discovered in the Middle East, Russia and Central Asia. As with all these huge old paintings, the purpose of creation of the newly discovered geoglyphs in Kazakhstan remains a mystery and research in the field progresses.