Translate

sabato 31 maggio 2014

[VIDEO]IRIS della NASA: Prima osservazione di una gigantesca eruzione di solare - [VIDEO]IRIS NASA : First observation of a massive eruption of solar


Un espulsione di massa coronale, o CME, è fuoriuscito dal lato del sole il 9 maggio 2014. Questo è stato il primo CME osservato dal  Interface Region Imaging Spectrograph, o IRIS, che è stato lanciato nel mese di giugno 2013 per scrutare i livelli più bassi dell'atmosfera del sole con una risoluzione migliore rispetto al passato.
Nel video si può osservare come una cortina di materiale solare esplode verso l'esterno ad una velocità di 1,5 milioni di miglia all'ora. "Ci concentriamo in sulle regioni attive per cercare di vedere un riflesso o una CME", ha dichiarato Bart De Pontieu, il capo scientifico di IRIS al Lockheed Martin Solar &
Astrophysics Laboratory di Palo Alto, in California. «E allora aspettiamo e speriamo di trovare qualcosa. Questa è la prima CME per IRIS quindi la squadra è molto eccitata." Lockheed Martin Solar & Astrophysics Laboratory hanno progettato l'Osservatorio IRIS che gestisce la missione. Ames Research Center della NASA a Moffett Field, California,  fornisce le operazioni di missione e i sistemi di dati da terra. Il Goddard Space Flight Center (NASA) di Greenbelt, nel Maryland, gestisce il Programma Explorers for Science Mission Directorate della NASA a Washington, DC
---English Version---
A coronal mass ejection , or CME , has leaked from the side of the sun May 9, 2014 . This was the first CME observed by the Interface Region Imaging Spectrograph , or IRIS , which was launched in June 2013 to scrutinize the lower levels of the atmosphere of sun with a resolution better than in the past . In video you can observe how a curtain of solar material explodes outwards at a speed of 1.5 million of miles per hour .
"We focus in on active regions to try to see a reflection or a CME ," said Bart De Pontieu , the chief scientific IRIS Lockheed Martin Solar & Astrophysics Laboratory in Palo Alto , California. "And then we wait and hope to find something. This is the first CME for IRIS so the team is very excited. " Lockheed Martin Solar & Astrophysics Laboratory have designed the Observatory IRIS which manages the mission. NASA's Ames Research Center in Moffett Field , California,  provides mission operations and data systems from the ground. The Goddard Space Flight Center (NASA) in Greenbelt, Md., manages the Explorers Program for Science  Mission Directorate at NASA Headquarters in Washington , DC.

venerdì 30 maggio 2014

Evento Tunguska: Ufo Crash? - Tunguska Event : Ufo Crash?


I ricercatori dicono che l'evento Tunguska è stato un UFO Crash:
 Trovati residui di una Nave spaziale Aliena ? I membri della spedizione scientifica dello stato siberiano di Tunguska f sono riusciti a scoprire i blocchi di un dispositivo tecnico extraterrestre,  che si è schiantato sulla Terra il 30 Giugno 1908, inoltre, i membri della spedizione hanno trovato i cosiddetti "deer" -. La pietra, che testimoni oculari di Tunguska hanno più volte  menzionato nelle loro storie. Gli esploratori hanno consegnato un pezzo di 50 kg di pietra alla città di Krasnoyarsk per essere studiata e analizzata. La spedizione è partita per Evenkia , al fine di risolvere il mistero dietro il fenomeno popolare noto come Tungus meteorite.
La spedizione, organizzata dal Siberian pubblic State Foundation "Tunguska Space Phenomenon" ha completato il suo lavoro sulla scena dell'impatto del meteorite di Tunguska caduto il 9 agosto. Era la prima spedizione nella regione dal 2000. Guidati dalle foto spaziali, i ricercatori hanno scansionato un ampio territorio in prossimità del villaggio  Poligusa da dove si osservò l'oggetto spaziale che si  schiantò sulla Terra nel 1908. L'evento di Tunguska è stata un'esplosione aerea che si è verificata nei pressi del fiume Tunguska in Siberia il 30 giugno 1908. L'esplosione ha abbattuto circa 60 milioni di alberi   in 2150 chilometri quadrati. In quel giorno, i residenti locali hanno osservato un enorme palla di fuoco, quasi brillante come il Sole, che si muoveva attraverso il cielo. Pochi  minuti dopo, un lampo che ha illuminato la metà del cielo, seguita da un'onda d'urto che ha rotto le finestre fino a 400 miglia di distanza. L'esplosione registrata in stazioni sismiche in tutta l'Eurasia,  ha prodotto variazioni di pressione atmosferica abbastanza forte da essere rilevata dai barografi recentemente inventati in Gran Bretagna.  Negli Stati Uniti, lo Smithsonian Astrophysical Observatory e il Mount Wilson Observatory hanno osservato una diminuzione della trasparenza atmosferica che è durata  per diversi mesi. Fino a quest'anno i membri di numerose spedizioni non sono riusciti a trovare eventuali resti dell'oggetto che ha causato l'evento.
---English Version---
The researchers say that the Tunguska event was a UFO Crash : Total residues of an Alien Spaceship ?
The members of the scientific expedition of the state Siberian Tunguska f were able to discover the blocks of an extraterrestrial technical device , that crashed on Earth June 30, 1908 , moreover, the expedition members found the so-called " deer" - . The stone, which Tunguska eyewitnesses have repeatedly
 mentioned in their stories. The explorers were handed a piece of 50 kg stone to the city of Krasnoyarsk to be studied and analyzed . The expedition left for Evenkia , in order to solve the mystery behind the popular phenomenon known as Tungus meteorite. The expedition, organized by the Siberian Publ State Foundation " Tunguska Space Phenomenon " has completed its work at the scene of the impact of the Tunguska meteorite
dropped on August 9. It was the first expedition in the region since 2000. Guided by the photo space , the researchers scanned a large territory in the vicinity of the village  Poligusa from where it was observed that the space object crashed into the Earth in 1908. The Tunguska event was an explosion airline that occurred near the Tunguska River in Siberia, June 30, 1908 . The explosion felled 60 million trees  2150 square kilometers. On that day , local residents observed a huge fireball , almost as bright as the Sun , moving across the sky. few  minutes later, a flash that lit up half the sky , followed by a shock wave that broke windows up to 400 miles away. The explosion registered on seismic stations across Eurasia , has produced changes in atmospheric pressure strong enough to be detected by barographs recently invented in Britain. In the United States , the Smithsonian Astrophysical Observatory and the Mount Wilson Observatory observed a decrease in atmospheric transparency that lasted  for several months.
Until this year the members of numerous expeditions have failed to find any remains of the object that caused the event .

Universi Paralleli : Calcolato il numero - Parallel Universes: Calculated number

Negli ultimi decenni, l'idea che il nostro universo potesse essere uno dei tanti universi alternativi all'interno di un multiverso gigante è cresciuta da una fantasia ad  una possibilità teorica legittima. Diverse teorie di fisica e astronomia hanno ipotizzato l'esistenza di un multiverso fatto di molti universi paralleli. Una domanda ovvia
che ci si pone, allora, è esattamente quanti di questi universi paralleli potrebbero esistere?
In un nuovo studio,  i fisici di Stanford Andrei Linde e Vitaly Vanchurin hanno calcolato il numero di tutti gli universi possibili, fino a giungere a una risposta di 10 ^ 10 ^ 16.
Se tale numero suona grande, gli scienziati spiegano che sarebbe stato ancora più colossale, tranne che noi osservatori siamo limitati nella nostra capacità di distinguere più universi; in caso contrario, ci potrebbero essere fino a 10 ^ 10 ^ 10 ^ 7 universi. Per trovare questi numeri , Linde e Vanchurin hanno guardato indietro al tempo fino a poco dopo il Big Bang , dove ritengono ci sia stato  un processo quantistico che ha
generato un sacco di fluttuazioni quantistiche. Poi, durante il periodo di inflazione, l'universo crebbe rapidamente e queste fluttuazioni quantistiche sarebbero state  "congelate" in perturbazioni classiche in regioni distinte( ovvero in universi). Oggi, ciascuna di queste regioni potrebbe essere un universo differente, con le proprie leggi  distinte della fisica. Analizzando il meccanismo  che inizialmente ha generato le fluttuazioni quantistiche , gli scienziati hanno potuto stimare il numero di universi risultanti a 10 ^ 10 ^ 10 ^ 7 . Tuttavia, questo numero è limitato da altri fattori, in particolare dai limiti del cervello umano. Poiché la quantità totale di informazioni che un individuo può assorbire in una vita è di circa 10 ^ 16 bit, che è equivalente a 10 ^ 10 ^ 16 configurazioni, questo significa che un cervello umano non riesce a distinguere più di 10 ^ 10 ^ 16 universi
 Una parte cruciale del loro calcolo  è in un'indagine sugli  effetti quantistici su scale supergalattiche. In questo tipo di scenario, lo stato del multiverso e le osservazioni fatte da un osservatore sono correlate (simile all'esperimento di Schrödinger, in cui il risultato può essere determinato solo dopo che è stato registrato da un osservatore classico). "Quando analizziamo la probabilità dell'esistenza di un universo di un determinato tipo, dovremmo parlare di una coppia consistente in : l'universo e un osservatore che fa il resto.
Come spiegano gli scienziati, il calcolo del numero di universi è un passo importante verso un obiettivo ancora più grande: trovare la probabilità di vivere in un universo con un particolare insieme di proprietà. Quali sono le probabilità che viviamo in un mondo in cui le leggi della fisica sono queste leggi che attualmente osserviamo?
Fonte: http://arxiv.org/PS_cache/arxiv/pdf/0910/0910.1589v1.pdf
---English Version---
In recent decades, the idea that our universe could be one of the many alternate universes within a giant multiverse has grown from a fantasy to a legitimate theoretical possibility . Several theories of physics and astronomy have hypothesized the existence of a multiverse made ​​of many parallel universes. An obvious question that arises , then, is exactly how many of these parallel universes might exist ?
In a new study , Stanford physicists Andrei Linde and Vitaly Vanchurin have calculated the number of all possible universes , to arrive at an answer of 10 ^ 10 ^ 16 .
If this number sounds large, the scientists explain that it would have been even more colossal , except that we observers are limited in our ability to distinguish more universes ; otherwise, there could be up to 10 ^ 10 ^ 10 ^ 7 universes. To find these numbers , Linde and Vanchurin looked back up to the time shortly after the Big Bang , where they believe there has been a quantum process that has
generated a lot of quantum fluctuations . Then, during the period of inflation , the universe grew rapidly and these quantum fluctuations would have been " frozen " in classical perturbations in distinct regions ( or universes ) . Today, each of these regions could be a different universe , with its own separate laws of physics. By analyzing the mechanism that initially generated the quantum fluctuations , the scientists were able to estimate the number of universes resulting in 10 ^ 10 ^ 10 ^ 7 . However, this number is limited by other factors, in particular the limitations of the human brain . Since the total amount of information that an individual can absorb in a life is about 10 ^ 16 bits, which is equivalent to 10 ^ 10 ^ 16 configurations , this means that a human brain can not distinguish more than 10 ^ 10 ^ 16 universes.  A crucial part of their calculation is an investigation of quantum effects on scales supergalattiche . In this type of scenario , the state of the multiverse and the observations made by an observer are correlated (similar to the experiment of Schrödinger , in which the result can only be determined after it was recorded by an observer classic ) . " When we analyze the probability of the existence of a universe of a certain kind , we should speak of a pair consisting of : the universe and an observer who does the rest. As the scientists explain , the calculation of the number of universes is an important step towards an even bigger goal : find the probability of living in a universe with a particular set of properties . What are the chances that we live in a world where the laws of physics are these laws that we observe today ?
Source: http://arxiv.org/PS_cache/arxiv/pdf/0910/0910.1589v1.pdf

bilderberg 2014

Divertitevi un po'.....
Riunione Bilderberg 2014
http://www.infowars.com/live-streaming-from-bilderberg-2014/
http://www.infowars.com/live-streaming-from-bilderberg-2014/

mercoledì 28 maggio 2014

Viaggi nel tempo: Esperimento dimostra come evitare il paradosso del nonno - Time travel: Experiment demonstrates how to avoid the grandfather paradox

Tra i molti concetti interessanti inerenti le teorie della relatività di Einstein vi è l'idea di curve chiuse (CTC), che sono  percorsi nello spazio-tempo che ritornano al loro punto di partenza. Come tale, CTC offrono la possibilità di viaggiare indietro nel tempo. Ma, come molti film di fantascienza hanno affrontato, il viaggio nel tempo è pieno di potenziali paradossi. Forse il più importante di questi è il paradosso del nonno, in cui un viaggiatore del tempo va indietro nel tempo e uccide suo nonno, impedendo  la sua nascita.
In un nuovo studio, un team di ricercatori ha proposto una nuova teoria della CTC in grado di risolvere il paradosso del nonno. I ricercatori, guidati da Seth Lloyd del MIT,  insieme con i ricercatori della Scuola Normale Superiore di Pisa, Italia; l'Università di Pavia a Pavia, Italia; il Tokyo Institute of Technology; e l'Università di Toronto,  hanno pubblicato il loro studio in un recente numero del Physical Review Letters . I concetti nello studio sono simili a un precedente studio di alcuni degli stessi autori che  hanno pubblicato su arXiv.org lo scorso anno. "La Teoria della relatività generale di Einstein sostiene le curve chiuse", ha detto Lloyd a PhysOrg.com . "Per decenni i ricercatori hanno discusso su come trattare gli oggetti
 nella meccanica quantistica. La nostra teoria mostra come viaggiare nel tempo potrebbe essere realizzato anche in assenza di altre curve chiuse relativistiche. " Nella nuova teoria, gli CTC sono tenuti a comportarsi come  canali quantistici ideali del tipo coinvolto nel teletrasporto. In questa teoria, CTC auto-consistente (quelli che non danno luogo a paradossi) sono postselected, e sono chiamati "P-CTC." Come spiegano gli scienziati, questa teoria è diversa dalla teoria quantistica ampiamente accettata della CTC proposta dal fisico David Deutsch, in cui un viaggiatore del tempo mantiene l'auto-consistenza viaggiando indietro in un passato diverso da quello che lui ricorda.


 Nella formulazione P-CTC, i  viaggiatori del tempo che devono viaggiare nel passato si ricordano. Anche se CTC postselecting può sembrare complicato, in realtà può essere studiato sperimentalmente in simulazioni di laboratorio. Con l'invio di un qubit "vivente" (vale a dire, nello stato 1) a pochi miliardesimi di secondo indietro nel tempo per cercare di "uccidere" il suo ex auto (cioè, capovolgere lo stato 0), gli scienziati  mostrano che solo fotoni che non uccidono se stessi possono fare il viaggio.  In fisica normale (cioè senza curve chiuse), si specifica lo stato di un sistema in passato, e le leggi della fisica poi dicono come quel sistema si evolve in futuro. In presenza di CTC, questa prescrizione si rompe: lo stato in passato e le leggi della fisica non sono più sufficienti per  specificare lo stato in futuro.
 Tuttavia, gli scienziati hanno osservato che il divieto di eventi paradossali causerebbe che eventi improbabili accadano sempre più spesso. Questi "strani effetti controintuitivi" sorgono a causa della natura non lineare di P-CTC. Come un eroe del cinema che riesce sempre a sfuggire alla morte apparentemente imminente,
il nonno riuscirebbe sempre in qualche modo a sopravvivere ai complotti assassini di suo nipote. "Qualche piccola fluttuazione quantistica potrebbe sbattere la pallottola via  all'ultimo momento", ha spiegato Lloyd.
Source :Physical Review Letters 106, 040.403 (2011). DOI: 10.1103/PhysRevLett.106.040403
---English Version---
Among the many interesting concepts related to the theories of Einstein's relativity is the idea of closed curves (CTC ), which are paths in space-time that they return to their starting point. As such, CTC offers the chance to travel back in time. But , like many science fiction films have addressed , time travel is full of potential paradoxes. Perhaps the most important of these is the grandfather paradox , in which a time traveler goes back in time and kills his grandfather , preventing her birth .
In a new study , a team of researchers has proposed a new theory of CTC able to resolve the grandfather paradox . The researchers, led by Seth Lloyd of MIT , along with researchers at the Scuola Normale Superiore in Pisa, Italy ; the University of Pavia in Pavia , Italy ; Tokyo Institute of Technology ; and the University of Toronto , have published their study in a recent issue of Physical Review Letters. The concepts in the study are similar to a previous study by some of the same authors who have published on arXiv.org last year. " The Theory of Einstein's general relativity supports closed curves ," Lloyd said to PhysOrg.com . "For decades researchers have discussed how to deal with objects
 in quantum mechanics . Our theory shows how time travel could be achieved even in the absence of other relativistic closed curves . "In the new theory, the CTC are expected to behave like ideal quantum channels of the type involved in the teleportation . In this theory , self-consistent CTC (those that do not give rise to paradoxes ) are postselected , and are called " P -CTC . " as the scientists explain , this theory is different from the widely accepted quantum theory of CTCs proposed by physicist David Deutsch, in which a time traveler maintains self- consistency by traveling back in a past different from what he remembers . formulation in the P- CTC , time travelers who need to travel into the past are remembered . postselecting CTC Although it may sound complicated , it really can be studied experimentally in laboratory simulations . by sending a qubit "living" (ie , in the state 1 ) a few billionths of a second back in time to try to " kill " his former self (ie , flip the state 0) , the scientists show that only photons that do not kill themselves can make the trip. In normal physics (ie no closed curves ) , you specify the state of a system in the past, and the laws of physics as they say that the system evolves in the future. In the presence of CTCs, this prescription breaks down : it was in the past and the laws of physics are no longer sufficient to specify the state in the future.
 However, scientists have observed that the prohibition of events that would cause paradoxical unlikely events happen more often. These " strange counterintuitive effects " arise due to the nonlinear nature of the P- CTC . As a hero of cinema that always manages to escape death apparently imminent,
Grandpa always somehow be able to survive the murderous plots of his nephew. " Some small quantum fluctuation could slam the ball away at the last moment ," said Lloyd.
Source: Physical Review Letters 106, 040 403 (2011). DOI: 10.1103/PhysRevLett.106.040403

martedì 27 maggio 2014

La MERS arriva in Iran -MERS arrives in Iran


Funzionari iraniani dichiarano che sonoo confermati i  primi due casi del paese di MERS, un virus mortale segnalato per la prima due anni fa in Arabia Saudita. Medio Oriente Respiratory Syndrome Corona-Virus (MERS) provoca tosse, febbre e polmonite talvolta fatali, uccidendo circa il 30 per cento di coloro che ne sono infettati. Non esiste un vaccino o trattamento specifico per MERS, che ha ucciso più di 175 persone in Arabia Saudita e si è diffuso in tutta la regione, anche raggiungendo  la Malesia, Grecia, Libano e Stati Uniti. "Quattro casi sospetti di infezione da nuovo virus corona sono stati osservati in una famiglia della provincia di Kerman. Due di questi casi sono stati confermati in due sorelle", ha detto Mohammad Mahdi Gouya, il direttore generale delle malattie trasmissibili presso il Centro per la Salute del Ministero iraniano Malattie controllo e prevenzione. "Una delle sorelle è in condizioni critiche e l'altra è attualmente in trattamento in circostanze speciali", lo ha citato  il sito del ministero. Una recente recrudescenza di infezioni in Arabia Saudita è preoccupante è atteso un  flusso di pellegrini da tutto il mondo  nel mese di luglio durante il Ramadan. Gouya ha inoltre riferito che Teheran aveva inviato squadre di medici formati in Arabia Saudita, dove hanno studiato la MERS  tra i casi di pellegrini iraniani Haj. Accordi sono stati presi per i pellegrini iraniani per sottoporlii a controllo medico dopo il loro ritorno a casa.
---English version---
Iranian officials state that Sonoo confirmed the first two cases in the country of MERS , a deadly virus first reported two years ago in Saudi Arabia. Middle East Respiratory Syndrome Corona -Virus ( MERS ) causes coughing , fever and pneumonia sometimes fatal , killing about 30 percent of those who are infected . There is no vaccine or specific treatment for MERS , which has killed more than 175 people in Saudi Arabia and has spread throughout the region , even reaching Malaysia, Greece , Lebanon and the United States. " Four suspected cases of infection with the new virus corona has been observed in a family of Kerman province . Two of these cases were confirmed in two sisters ," said Mohammad Mahdi Gouya , the director general of communicable diseases at the Center for Iranian Ministry of health Disease control and prevention . " One of the sisters is in critical condition and the other is currently being treated in special circumstances ," it quoted the ministry's website . A recent resurgence of infections in Saudi Arabia is worrying is the expected flow of pilgrims from all over the world during the month of July during Ramadan. Gouya also reported that Tehran had sent teams of doctors trained in Saudi Arabia , where they studied the MERS among the cases of Iranian Hajj pilgrims . Arrangements have been made for the Iranian pilgrims to sottoporlii a medical examination after their return home.

domenica 25 maggio 2014

Materia oscura in collisione con la via lattea - Dark matter colliding with the Milky Way


Come un proiettile avvolto in una protezione balistica, una nube di idrogeno ad alta velocità che sfreccia verso la Via Lattea sembra essere racchiuso in un guscio di materia oscura, secondo una nuova analisi di dati provenienti da Robert C. Byrd  del  National Science Foundation Telescope (GBT). Gli astronomi ritengono che senza questo guscio protettivo, la nube ad alta velocità (HVC), nota come  Copertura di Smith si sarebbe disintegrata tempo fa, quando si è scontrato con il disco della nostra Galassia. Se confermata da ulteriori osservazioni, significherebbe che la "nube" di Smith è in realtà una galassia nana mancata, un oggetto che ha tutti i presupposti per divenire una vera e propria galassia, ma non abbastanza per produrre
stelle. "La Nuvola di Smith è davvero unica nel suo genere. E 'veloce, molto lunga, e abbastanza vicina per essere studiata in dettaglio", ha detto  Matthew Nichols dell'Osservatorio Sauverny in Svizzera e autore principale di un documento accettato per la pubblicazione dalla  Royal Astronomical Society . "E 'anche un mistero, un oggetto come questo semplicemente non dovrebbe sopravvivere a un viaggio attraverso la Via Lattea, ma tutte le prove mostrano che l'ha fatto." La Via Lattea è percorsa da centinaia di nubi ad alta velocità, che sono costituite principalmente da gas di idrogeno che è troppo  rarefatto per formare stelle in qualsiasi quantità rilevabile. L'unico modo per osservare questi oggetti, dunque, è con i radiotelescopi come il GBT, in grado di rilevare la debole emissione di idrogeno neutro. Se fosse visibile ad occhio nudo, la Copertura di Smith sarebbe grande, nel cielo, quasi quanto la costellazione di Orione. La maggior parte delle nubi ad alta velocità condividono una comune origine con la Via Lattea.  Attualmente, la nube di Smith  è a circa 8.000 anni luce di distanza dal disco della nostra Galassia. Si sta muovendo verso la  Via Lattea a più di 150 chilometri al secondo e si prevede un impatto in circa 30 milioni di anni.
fonti: Documento su Arxiv : arxiv.org/abs/1404.3209
        : Notices della Royal Astronomical Society mensili
---English Version---
Like a bullet wrapped in a ballistic protection, a cloud of hydrogen at high speed hurtling toward the Milky Way looks be enclosed in a shell of dark matter, according to a new analysis of data from the Robert C. Byrd  National Science Foundation Telescope ( GBT ) . Astronomers believe that without this protective shell , the high cloud speed ( HVC ) , known as Smith would cover disintegrated long ago, when it collided with the disk of our Galaxy. If confirmed by further observations , it would mean that the " cloud " Smith is actually a Failure to dwarf galaxy , an object that has all the prerequisites to become a real galaxy , but not enough to produce stars . " The cloud Smith is truly unique in its kind. It 's fast , very long , and close enough to be studied in detail ," said  Matthew Nichols Sauverny Observatory in Switzerland and lead author of a paper accepted for publication by the  Royal Astronomical Society. "It 's also a mystery, an object like this is simply not should survive a trip through the Milky Way , but all the evidence shows that he did not. "
The Milky Way is crossed by hundreds of high velocity clouds , which are composed mainly of hydrogen gas that is too rarefied to form stars in any detectable amount . The only way to observe these objects , then, is with the radio telescopes such as the GBT , able to detect the weak emission of neutral hydrogen . If it were
visible to the naked eye , the cover of Smith would be great, in the sky, almost as much as the constellation of Orion. Most of the high velocity clouds share a common origin with the Milky Way . Currently , the cloud Smith is about 8,000 light years away from the disk of our Galaxy . It is moving towards the  Milky Way at more than 150 kilometers per second and is expected to impact about 30 million years.
Sources : Paper on Arxiv : arxiv.org/abs/1404.3209
             : Monthly Notices of the Royal Astronomical Society