Translate

sabato 24 maggio 2014

Wormhole: Sagittarius A nasconde un ponte spazio-tempo? - Wormhole: Sagittarius A bridge hides a space-time?


Uno degli oggetti più straordinari della Via Lattea è Sagittarius A *. Questo piccolo oggetto è una fonte luminosa di onde radio nella costellazione del Sagittario scoperta nel 1974.Da allora, gli astronomi hanno fatto numerose osservazioni di Sagittarius A * e delle stelle vicine, alcune delle quali compiono
orbite ad altissima velocità. Ciò significa che Sagittarius A * è estremamente massiccia e dal momento che è così piccolo deve anche essere estremamente denso. Ecco perché molti astronomi ritengono che questo oggetto sia un buco nero supermassiccio che si trova al centro della galassia. In realtà, Sagittarius A * è di circa 4 milioni di volte più massiccio del Sole, il tutto  racchiuso in un volume non molto più grande dell'orbita di Mercurio. Ma vi è un'altra possibilità: che questo massiccio oggetto denso sia un wormhole che connette la nostra regione di spazio ad un altro punto dell'universo o addirittura ad un'altra  parte del multiverso. Gli astrofisici sanno da tempo che i wormholes sono consentiti dalle leggi della relatività generale e che si potrebbero essere formati subito dopo il Big Bang. E questo solleva una domanda interessante.
Se Sagittarius A * è un wormhole, come possno gli astronomi distinguerlo da un buco nero? Oggi, otteniamo una risposta grazie al lavoro di Zilong Li e Cosimo Bambi presso la Fudan University di Shanghai.
Questi ragazzi hanno calcolato che il plasma orbitante presso un buco nero avrebbe un aspetto diverso dallo stesso plasma in orbita presso un wormhole. Hanno calcolato la  differenza e anche simulato le immagini risultanti che dovrebbe essere possibile raccogliere con la prossima generazione di telescopi interferometrici. In altre parole, se c'è un wormhole al centro della nostra galassia, dovremmo essere in grado di vederlo nei prossimi anni. L'idea che un wormhole possa esistere al centro della galassia non è così inverosimile come sembra. Nell'universo primordiale, fluttuazioni quantistiche potrebbero avere collegato diverse regioni del cosmo, la creazione di wormholes che sono stati conservati durante la prima espansione dell'universo, quando questo  è aumentato in dimensioni di  molti ordini di grandezza. Sia i buchi neri che i wormholes si trovano dietro un orizzonte degli eventi da cui la luce non può sfuggire. Non c'è modo di vedere quello che accade all'interno di un orizzonte degli eventi. Tuttavia, vi è una differenza importante tra buchi neri e wormholes, il secondo è molto più piccolo rispetto al precedente e questa è la base su cui Zilong e Bambi dicono che può essere rilevata una differenza tra i due. Zilong e Bambi considerano una nuvola di plasma caldo in orbita che emette una luce infrarossa. Calcolano quindi la traiettoria della luce che sfugge verso la Terra. Poiché questa luce ha difficoltà a fuggire dai campi gravitazionali estremi di questi oggetti, l'immagine della nuvola di plasma diventa sbiadita. Ma la differenza di dimensioni tra un buco nero e un wormhole provoca una differenza cruciale in queste "sbavature". Questo modello distintivo di sbavature è la firma che gli astronomi possono usare per distinguerli. Nessuno è riuscito a visionare Sagittarius A * nella parte infrarossa ottica o in prossimità dello spettro. Ma tutto sta per cambiare nei prossimi anni.
In particolare, gli astronomi stanno costruendo un interferometro a raggi infrarossi chiamato GRAVITY al Very Large Telescope Interferometer nel deserto di Atacama del Cile  settentrionale. Questo dispositivo sarà in grado di osservare le nubi di plasma intorno a Sagittarius A *. Queste immagini forniranno un affascinante spaccato della natura del massiccio oggetto denso al centro della nostra galassia. La conferma che si tratta di un buco nero supermassiccio sarebbe importante, ma se si dovesse scoprire che si tratta di un wormhole sarebbe strabiliante. GRAVITY viene spedito in Cile il prossimo anno e, si spera, sarà in funzione subito dopo. Se c'è un wormhole al centro della Via Lattea, lo scopriremo in un futuro non troppo lontano.
fonte: arxiv.org/abs/1405.188
---English Version---
One of the most extraordinary of the Milky Way galaxy is Sagittarius A * . This little object is a bright source of radio waves in the Sagittarius constellation discovered in 1974. Since then , astronomers have made ​​numerous observations of Sagittarius A * and nearby stars, some of which perform orbits at very high speed . This means that Sagittarius A * is extremely massive and since it is so small must also be extremely dense.
That's why many astronomers believe that this object is a supermassive black hole that lies at the center of the galaxy. In reality , Sagittarius A * is about 4 million of times more massive than the Sun , all enclosed in a volume not much larger than the orbit of Mercury . But there is another possibility: that this massive dense object is a wormhole that connects our region of space to another point in the universe or even to another
 part of the multiverse . Astrophysicists have long known that wormholes are permitted by the laws of general relativity and that could be formed immediately after the Big Bang. And this raises an interesting question. If Sagittarius A * is a wormhole , as Astronomers possno distinguish it from a black hole? Today , we get an answer thanks to work of Yun Li and Cosimo Bambi at Fudan University in Shanghai.
These guys have calculated that the plasma at the orbiting a black hole would have a different appearance from the same plasma in orbit at a wormhole . They calculated the  difference and also simulated the resulting images that should be able to pick up with the next generation of interferometric telescopes . In other words , if there is  a wormhole at the center of our galaxy , we should be able to see over the next few years.
The idea that a wormhole can exist at the center of the galaxy is not as far-fetched as it sounds. In the early universe , quantum fluctuations may have connected to different regions of the cosmos, the creation of wormholes that have been preserved during the first expansion of the universe, when it is increased in size
 many orders of magnitude . Both blacks holes that wormholes are behind an event horizon from which light can not escape. There is no way to see what happens inside a event horizon . However, there is an important difference between blacks holes and wormholes , the second is much smaller than the previous one and this is the basis on which to say that Yun and Bambi can be detected a difference between the two .
Yun and Bambi consider a cloud of hot plasma in orbit that emits infrared light. Then calculate the trajectory of light that escapes towards the Earth . Because this light has difficulty escaping from extreme gravitational fields of these objects, the image of the plasma cloud becomes faint . But the difference of
size between a black hole and a wormhole causes a crucial difference in these " smudges " . This distinctive pattern of smearing is the signature that astronomers can used to distinguish them .
No one was able to see Sagittarius A * in the infrared part of the spectrum optical or near . But everything is about to change in the coming years. In particular , astronomers are building an infrared interferometer GRAVITY called the Very Large Telescope Interferometer in the Atacama Desert of Chile
 Northern Hemisphere. This device will be able to observe the plasma clouds around Sagittarius A * .
These images provide a fascinating insight into the nature of dense massive object at the center of our galaxy. The confirmation that it is a black hole supermassive would be important , but if you were to discover that it is a wormhole would be amazing . GRAVITY ships in Chile next year and , hopefully, will be in operation soon after. If there is a wormhole in the center of the Milky Way , we'll find out in a not too distant future .
Source: arxiv.org/abs/1405.188

giovedì 22 maggio 2014

Wormholes:messaggi attraverso il tempo - Wormholes: Posts through time


Come una forma bizzarra di fibra ottica, un lungo, sottile wormhole potrebbe farvi inviare messaggi attraverso il tempo utilizzando impulsi di luce. Previsto dalla teoria generale della relatività di Einstein, i wormholes  sono gallerie che collegano due punti dello spazio-tempo. Se qualcosa potesse attraversarne uno, si aprirebbero nuove possibilità, come il viaggio nel tempo e le comunicazioni istantanee.
Ma c'è un problema: i wormholes di Einstein  sono notoriamente instabili , e non rimangono aperti abbastanza a lungo. Nel 1988, Kip Thorne del California Institute of Technology e  suoi colleghi hanno ipotizzato che dei wormholes potrebbero essere tenuti aperti utilizzando una forma di energia negativa chiamata energia Casimir. La meccanica quantistica ci dice che il vuoto dello spazio-tempo è pieno di fluttuazioni quantistiche casuali, che creano onde di energia. Ora immaginate due lastre di
metallo, poste in parallelo in questo vuoto. Alcune onde di energia sono troppo grandi per entrare tra le piastre, quindi la quantità di energia tra loro è inferiore rispetto a  quella che la circonda. In altre parole, lo spazio-tempo tra le piastre ha energia negativa. Tentativi teorici di utilizzare tali lastre per tenere aperto un wormhole si sono finora dimostrati insostenibili. Luke Butcher presso l'Università di Cambridge potrebbe aver trovato una soluzione. "E se il wormhole potesse prendere il posto dei piatti?" dice. In altre parole, nelle giuste circostanze,  la forma a tubo del wormhole potrebbe di per sé generare energia Casimir?
 I suoi calcoli dimostrano che , con i giusti ordini di grandezza tra la bocca e il corpo del wormhole, effettivamente si potrebbe creare enegia Casimir nel centro. "Purtroppo, questa energia non è sufficiente a mantenere il tunnel spaziale stabile. Essa crollerà", secondo Butcher. "Ma l'esistenza di energia negativa potrebbe  permettere al wormhole di comprimersi molto lentamente." Ulteriori calcoli approssimativi dimostrano che il centro del wormhole potrebbe rimanere aperto abbastanza a lungo da permettere ad
 un impulso di luce di passarvi attraverso. Un wormhole è una scorciatoia attraverso lo spazio-tempo, quindi l'invio di un impulso di luce attraverso questo potrebbe consentire una comunicozione ad una velocità superiore alla luce. E , come le due bocche di un wormhole possono esistere in diversi punti nel tempo, in teoria, un messaggio può essere trasmesso attraverso il tempo. Butcher avverte che molto lavoro è necessario per confermare che  altre parti del wormhole oltre al centro rimangono aperte abbastanza a lungo per consentire l'attraversamento di  un impulso di luce. Naturalmente, siamo molto lontani dal tradurre le equazioni teoriche in un oggetto fisico. "Questo significa che abbiamo la tecnologia per la costruzione di un wormhole?" chiede Matt Visser presso la Victoria University di Wellington in Nuova Zelanda. "La risposta
 è ancora no." Eppure, è incuriosito dal lavoro di Butcher. "Dal punto di vista della fisica, potrebbe rivitalizzare l'interesse nei wormholes".
Riferimento: arxiv.org/abs/1405.1283v1
---English Version---
As a bizarre form of optical fiber, a long, thin wormholes could make you send messages through time using light pulses . Expected from the general theory of relativity , wormholes are tunnels that connect two points in space - time . If anything could cross one ,  would open up new possibilities, such as time travel and instant communications . But there is one problem : wormholes Einstein are notoriously unstable , and do not stay open long enough . In 1988 , Kip Thorne of the California Institute of Technology and his colleagues speculated that wormholes could be kept open using a form of energy called negative energy
Casimir . Quantum mechanics tells us that the vacuum of space-time is full of random quantum fluctuations , which create waves of energy . Now imagine two sheets of metal, placed in parallel in this void . Some energy waves are too large to fit between the plates , then the amount of energy between them is lower than
 that surrounds it. In other words , the space - time between the plates has negative energy.
Theoretical attempts to use these plates to hold open a wormhole have so far proven to be unsustainable. Luke Butcher at the University of Cambridge may have found a solution. " And if the wormhole could take the place of the dishes ? " he says. In other words , in the right circumstances , the tube shape of the wormhole itself could generate energy Casimir ?  His calculations show that , with the right orders of magnitude between the mouth and the body of the wormhole , you could actually create enegia Casimir in the center . "Unfortunately , this energy is not sufficient to maintain the stable wormhole . It will collapse ," according to Butcher . " But the existence of negative energy could allow the wormhole to compress very slowly. "Further calculations show that the approximate center of the wormhole could stay open long enough to allow  a pulse of light to pass through . A wormhole is a shortcut through space - time , then sending a pulse of light through this could allow a comunicozione at a higher speed to light. And, as the two mouths of a wormhole may exist in different points in time , in theory , a message may be transmitted through time .
Butcher warns that much work is needed to confirm that other parts of the wormhole over the center remain open long enough to allow the crossing of  a light pulse. Of course, we are very far from the theoretical equations translate into a physical object. "This means that we have the technology to build a wormhole ? " asks Matt Visser at Victoria University of Wellington in New Zealand. "The response  is still no. " Yet , is intrigued by the work of Butcher . " From the point of view of physics, could revitalize interest in wormholes"
Source: arxiv.org/abs/1405.1283v1

martedì 20 maggio 2014

Sole: il gemello perduto - Sun: the lost twin


Un team internazionale di ricercatori guidato dall' astronomo Ivan Ramirez dell'Università di Austin nel Texas ha scoperto ciò che viene indicato come "fratello a lungo perduto" del sole. La stella, identificata come HD 162826, si crede sia nata dallol stesso cluster del nostro sole.
Secondo gli astronomi, stelle nate da diversi gruppi portano composizioni chimiche diverse, il che significa che trovare due stelle con identiche composizioni, come in questo caso, per il nostro sole e la sua nuovo fratello indica una origine comune. Nel caso del sole, bario e ittrio sono stati identificati come importanti elementi distintivi. HD 162826 è il quindici per cento più massiccia del nostro sole, sarebbe emersa dalla stessa nube di gas di circa 4,5 miliardi anni fa, e si trova a 110 anni luce di distanza nella costellazione di Ercole.
---English Version---
An international team of researchers led by 'Ivan Ramirez astronomer at the University of Texas in Austin have discovered what is referred to as "long lost brother"   of the sun. The star, identified as HD 162 826, is believed to have been born Dallol same cluster of our sun.
According to astronomers, stars born from different groups bring different chemical compositions, which means that to find two stars with identical compositions, as in this case, our sun and its new sibling indicates a common origin. In the case of the sun, barium and yttrium were identified as important distinctive elements.
HD 162 826 is fifteen percent more massive than our sun, would emerge from the same gas cloud approximately 4.5 billion years ago, and is located 110 light-years away in the constellation of Hercules.

Photo of the day

Piazza San Pietro,Città del Vaticano 20 maggio 2014
unico effetto applicato, solarizzazione
                          -------------                         
St. Peter's Square, Vatican City, May 20, 2014 
only effect applied, sunburn

lunedì 19 maggio 2014

Photo oh the day

Un mosaico di 46 immagini che mostrano il transito della ISS attraverso 
il sole visibile da sud-ovest di Londra il 16 maggio 2014
 alle 06:23 UT. Credit: Roger Hutchinson.
---
A mosaic of 46 images showing the transit of the ISS
 across the sun visible from southwest London on May 16, 2014
 at 06:23 UT. Credit: Roger Hutchinson.

domenica 18 maggio 2014

[VIDEO]NASA osserva 'buco' quadrato sul sole -[VIDEO]NASA observes 'hole' square on the sun


Una sonda della NASA ha fatto una scoperta sorprendente sulla superficie del sole: un "buco" di forma quadrata nell'atmosfera esterna della stella.
La zona scura sul sole, noto come "buco coronale," è una zona dove il vento solare passa sul sole a super velocità. La NASA ha catturato un  video del buco coronale del sole di forma quadrata  tra il 05-07 MAGGIO utilizzando il potente Solar Dynamics Observatory (SDO). Considerata la posizione, gli astronomi ritengono che per la terra, non ci saranno particolari conseguenze dal punto di vista elettromagnetico.
Nel 2013, il sole ha vissuto il suo picco di attività del suo 11 anni di ciclo tempo solare.
---English Version---

A NASA spacecraft has made ​​a startling discovery on the surface of the sun: a "hole" square to the outside atmosphere of the star.
The dark area on the sun, known as a "coronal hole," is an area where the solar wind passes over the sun at super speed. NASA has captured a video of the coronal hole of the Sun square between May 5 to 7 using the powerful Solar Dynamics Observatory (SDO). Given the location, astronomers believe that the land, there will be no particular consequences from the electromagnetic point of view.
In 2013, the sun experienced its peak of activity of its 11-year solar weather cycle.

[VIDEO]ASTRONAVE MADRE? - [VIDEO]SPACESHIP MOTHER?


Questo video è stato girato dalla Cam della ISS(stazione spaziale internazionale) il 12 maggio 2014

This video was shot by Cam of the ISS (International Space Station) May 12, 2014