Translate

sabato 3 maggio 2014

Magnetar: La più grande forza dell'universo? - Magnetar: The greatest force in the universe?


I magnetar sono un particolare tipo di stelle di neutroni che di norma non superano i 20 chilometri di diametro ,  si fa risalire la loro formazione a supernove e si ritiene abbiano un campo magnetico di circa 10 elevato alla 11 Tesla, circa un miliardo di volte più forte di qualsiasi campo magnetico naturale o artificale prodotto sul nostro  pianeta. Il magnetar 4U 0142 +61, uno dei prototipi di questa classe, è stato studiato in banda larga con i raggi x dall'osservatorio giapponese Suzaku. I ricercatori, che teorizzavano  la presenza di un secondo campo magnetico toroidale che circondasse il loro equatore, sembra abbiano trovato la prova di che conferma la teoria con 4U 0142 +61. Durante l'analisi delle forti emissioni di raggi X che provengono da suoi poli con una pulsazione di 8,7secondi ,i ricercatori hanno notato che l'impulso alle volte arrivava con ritardo altre volte con anticipo,qualcosa di diverso e incoerente con i dati precedenti. I fisici hanno quindi ipotizzato che l'incoerenza è dovuta ad un campo toroidale sopra l'equatore della magnetar. Se questa nuova teoria dal team in Giappone dovesse risultare vera, si dovrebbero sviluppare delle onde gravitazionali rilevabili.
Riferimento ufficiale: Physical Review Letters
---English Version---
The magnetar is a type of neutron star that normally does not exceed 20 kilometers in diameter , can be traced back to their formation and supernovae are believed to have a magnetic field of about 10 raised to 11 Tesla, about a billion times more strong magnetic field of any natural or artificial product on our planet . The magnetar 4U 0142 +61 , one of the prototypes of this class , has been studied in broadband and Japanese Suzaku X-ray observatory . Researchers theorized that the presence of a second toroidal magnetic field to surround that their equator , appears to have found evidence that confirms the theory with 4U 0142 +61 . During the analysis of the strong X-ray emissions coming from its poles with a pulse of 8.7 seconds , the researchers noted that the impulse to arrive with delay times other times with advance, something different and inconsistent with previous data . Physicists have hypothesized that the inconsistency is due to a toroidal field above the equator of the magnetar . If this new theory by the team in Japan proves to be true , you should develop detectable gravitational waves .
Official reference : Physical Review Letters

venerdì 2 maggio 2014

Astronomia:Cluster ad ipervelocita' - Astronomy: cluster at hyperspeed


HVGC , acronimo di  ammasso globulare ad ipervelocità, è un cluster, denominato HVGC-1, scoperto usando l'MMT Telescope in Arizona, nato nella galassia M87, che è stato lanciato  in direzione della Terra a una velocità di oltre due milioni di miglia all'ora. HVGC-1 è formato da migliaia di stelle contenute all'interno di una sfera di pochi anni luce. "Gli astronomi hanno scoperto stelle in fuga prima, ma questa è la prima volta che abbiamo trovato un ammasso di stelle in fuga", ha detto Nelson Caldwell del Centro Harvard-Smithsonian per l'Astrofisica.
"Non ci aspettavamo di trovare qualcosa in movimento così veloce", ha detto Jay Strader della Michigan State University, che è un co-autore dello studio. Gli astronomi ritengono che HVGC-1 potrebbe aver raggiunto la sua velocità corrente dopo il passaggio tra due buchi neri supermassicci al centro di M87, che hanno agito come una fionda, lanciando il cluster.
---English Version---
HVGC, which stands for globular cluster at hyperspeed, it is a cluster, called HVGC-1, discovered using the MMT telescope in Arizona, born in the galaxy M87, which was launched in the direction of the Earth at a speed of over two million miles per 'now. HVGC-1 is formed by thousands of stars contained within a sphere of a few light years. "Astronomers have discovered the first star on the run, but this is the first time we found a cluster of stars on the run," said Nelson Caldwell of the Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics.
"We were not expecting to find something moving so fast," said Jay Strader of Michigan State University, who is a co-author of the study. Astronomers believe that HVGC-1 may have reached its current speed after passing through two supermassive blacks holes at the center of M87, which acted as a catapult, launching the cluster.

giovedì 1 maggio 2014

Materia Oscura:Pericolo comete?- Dark Matter: Risk comets?


Alcuni fisici teorici, Lisa Randall e Matthew Reece , presso la Harvard University, hanno dichiarato nei giorni scorsi al Physical Review Letters, che la materia oscura potrebbe fare da fionda a meteore letali per la Terra, causando potenzialmente estinzioni di massa, come il cataclisma che causò l'estinzione dei dinosauri. Secondo i fisici la materia oscura, che conpone i cinque sesti di tutta la materia dell'universo, potrebbe essere posizionata al centro della galassia in un disco di 35 anni luce di spessore. I ricercatori suggeriscono che questo disco di nubi fatti di materia oscura potrebbe disturbare le orbite delle comete nel sistema solare esterno, scagliandole verso l'interno. Ricerche passate suggeriscono che il "bombardamento"di meteoriti (con possibili esiti catascrofici) potesse avere una cadenza ciclica. Uno studio è stato condotto su crateri da impatto superiori ai 12 miglia di diametro ed effettivamente si è notata una ciclicità nell'aumento degli impatti ogni circa 35 milioni di anni.
La missione Gaia dell'Agenzia spaziale europea potrebbe rivelare l' esistenza di un disco di materia oscura , dando un valore scientifico più accurato alla ricerca.
Randall ha dichiarato che anche se si tratta di una remota possibilità che la materia oscura possa influenzare l'ambiente locale a lungo termine, la cosa è incredibilmente interessante.
Gli scienziati hanno dettagliato i loro risultati online il 20 aprile sulla rivista Physical Review Letters.
---English Version---
Some theoretical physicists , Lisa Randall and Matthew Reece , at Harvard University , said in recent days to Physical Review Letters that dark matter could sling a deadly meteors to Earth , potentially causing mass extinctions , such as the cataclysm that caused the extinction of the dinosaurs. According to the physical dark matter, which conpone five-sixths of all matter in the universe, may be positioned in the center of the galaxy into a disk 35 light-years thick. The researchers suggest that this disk made ​​of clouds of dark matter could disturb the orbits of comets in the outer solar system , flinging inward. Past research suggests that the " bombing " of meteorites ( with possible outcomes catascrofici ) could have a cyclical basis . A study was conducted on impact craters than 12 miles in diameter , and indeed there has been a cyclical impact in increasing every 35 million years.
The European Space Agency's Gaia mission may reveal the ' existence of a disk of dark matter , giving a more accurate value of scientific research .
Randall said that even if it is a remote possibility that the dark matter might affect the local environment in the long term , it is incredibly interesting.
The scientists detailed their findings online April 20 in the journal Physical Review Letters.