Translate

sabato 15 marzo 2014

Fisica: Un trattato del 1200 parla di Multiverso? - Physics: A treatise in 1200 speaks of the Multiverse?

Tom McLeish , un fisico presso la Durham University, Regno Unito, ed i suoi colleghi hanno applicato la matematica ad un trattato del 1225 sulla luce, chiamato, "De Luce" , scritto dal filosofo medievale Roberto Grossatesta . Il testo è stato tradotto in equazioni moderne e i fisici sono rimasti sorpresi nello scoprire che il filosofo poneva questioni cosmologiche ed implicazioni filosofiche del tutto moderne e attuali.
"Abbiamo cercato di scrivere in matematica quello che ha detto in parole latine", dice McLeish. Grossatesta aveva studiato le opere di Aristotele che spiegavano il moto delle stelle. In "De Luce" , Grossatesta ha proposto che l'universo concentrico sia iniziato con un lampo di luce, che ha spinto tutto verso l'esterno da un piccolo punto in una grande sfera, definisce inoltre lo "stato perfetto", uno stato in cui la coppia luce-materia ha raggiunto una densità minima in cui ha cominciato ad emettere un nuovo tipo di luce definita dal filosofo "Lumen". Questo processo molto complesso spiegato da Grossatesta, analizzato dai fisici e riprodotto al computer , genera un modello matematico  analogo al modo in cui i cosmologi moderni usano osservazioni della radiazione cosmica di fondo , la radiazione residua del big bang. Secondo il cosmologo Avi Loeb del Centro Harvard-Smithsonian per l'Astrofisica di Cambridge, il modello cosmologico di Grossatesta  è ben definito. All'insaputa del filosofo medioevale, il suo universo predice una delle possibilità più sconcertanti in cosmologia: il multiverso. I modelli attuali sono d'accordo con le osservazioni solo se determinati parametri assumono particolari valori, gli scienziati chiamano questo il problema messa a punto e un modo per risolverlo è quello  che ci deve essere un numero infinito di universi in cui sono possibili tutti i risultati. Allo stesso modo "l'universo" di Grossatesta , dipende dal suo stato iniziale,cambiando il rapporto nella coppia luce-materia si cambia il numero di sfere concentriche che contiene.
--English version--
Tom McLeish , a physicist at Durham University , UK, and his colleagues have applied mathematics to a 1225 treatise on light, called " De Luce " , written by the medieval philosopher Robert Grossatesta. The text has been translated into equations and modern physicists were surprised to find that the cosmological questions posed philosopher and the philosophical implications of all modern and current.
"We tried to write in mathematics what he said in the Latin words ," said McLeish . Grossatesta had studied the works of Aristotele, who explained the motion of the stars. In " De Luce " Grossatesta has proposed that the universe is concentric started with a flash of light , which pushed everything to the outside by a small point in a big ball , also defines the " perfect state ," a state in when the couple light-matter density has reached a minimum when he began to issue a new type of light as defined by the philosopher " Lumen " . This very complex process explained by Grossatesta , analyzed by physicists and play on the computer, generates a mathematical model similar to the way in which modern cosmologists use observations of the cosmic microwave background , the radiation left over from the big bang. According to the cosmologist Avi Loeb of the Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics in Cambridge, the cosmological model of Grossatesta is well defined . Unbeknownst to the medieval philosopher , his universe predicts a possibility of the most baffling in cosmology : the multiverse. Current models agree with the observations only if certain parameters take particular values ​​, scientists call this the problem setup and a way to resolve it is that there must be an infinite number of universes in which all results are possible . Similarly the " universe " of Grossatesta , depends on its initial state, changing the relationship in the couple light-matter alters the number of concentric spheres it contains.